Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Ricciardi in tv insiste sulla linea dura: "Ci vorrebbe una zona rossa. Col lockdown abbiamo salvato decine di migliaia di persone"

  • a
  • a
  • a

Il professor Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Speranza, è stato ospite a Domenica In. Nella puntata su Rai1 di oggi 31 gennaio, in apertura di programma ha fatto un passaggio sulle misure da prendere.

 

Prima un passo indietro, quasi un bilancio con uno sguardo a ciò che sarà. "E' stato un anno difficile, drammatico, con le decisioni che prendemmo sono state salvate 38mila vite: 67 giorni di chiusura, evitando la circolazione del virus, hanno salvato decine di migliaia di persone. L’Italia - ha affermato da Mara Venier - fu il primo Paese al mondo a prendere una decisione di quel tipo e poi ci hanno seguito tutti. Poi purtroppo è stato un anno in cui abbiamo vanificato i sacrifici, perché l’estate è stata sottovalutata la capacità del virus di tornare e abbiamo non fatto tutta una serie di cose, come gli investimenti per le scuole sui trasporti. Sono stati fatti errori soprattutto nella seconda fase, sprecando tutto quello che è stato fatto nella prima."

 

 

Secondo Ricciardi "un motivo è psicologico, nelle pandemie la gente si stanca e la maggior parte dei politici non fa capire che queste misure sono fondamentali, anche per l’economia, per non vivere in condizioni di perenne precarietà. Ci vorrebbe una zona rossa adeguatamente rispettata per ottenere i risultati, solo con le misure più dure si è in grado di riaprire. Il virus va preceduto, non seguito anche se significa essere impopolari. È un problema che da domani si torni a essere zona gialla - argomenta il professor Ricciardi - perché viene interpretata come una specie di ’liberi tutti', io avrei preteso di riprendere il tracciamento investendo nei dipartimenti di prevenzioni, nelle asl isolando il virsu al primo focolaio". Perché tanti morti? "Abbiamo tre elementi di debolezza, la popolazione anziana e per lo più non in buona salute e quando arriva un virus molto aggressivo ne debilita l’organismo", ha precisato l'esperto nel pomeriggio domenicale degli italiani sulla rete ammiraglia Rai.