Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Chieti, furto da 100 euro al supermercato: arrestato e condanna in carcere

  • a
  • a
  • a

Chieti, rubò merce per un valore di 100 euro in un supermercato situato all'interno di un centro commerciale. E ora, più di dieci anni dopo, è stato arrestato e condannato a scontare una pena in carcere. Una storia a prima vista incredibile, ma accaduta a un uomo a seguito dei fatti che si sono svolti nel 2010. Ecco cosa accadde. 

 

Un uomo e una donna residenti a Francavilla al mare, fingendo di essere una normale coppia che faceva la spesa in un centro commerciale del pescarese, avevano nascosto circa 100 euro di refurtiva nella giacca. La cosa, però, non era sfuggita agli addetti alla vigilanza del supermercato che li avevano bloccati all’ingresso, chiamando immediatamente le forze dell’ordine. L'uomo, un 53enne di Chieti, avendo compreso di essere ormai in "trappola", ha tentato di divincolarsi e fuggire: prima ha minacciato le due guardie giurate, poi ha sferrato a uno di loro due colpi, uno al braccio e uno al viso, tentando di scappare, trasformando un semplice furto in rapina impropria.

 

La Procura della Repubblica presso la Corte d’Appello di L’Aquila ha deciso così di emettere un ordine di carcerazione a carico dell’uomo che è stato notificato dai carabinieri della stazione di Francavilla al mare e ora dovrà scontare recluso a casa 1 anno e 4 mesi di reclusione e pagare una multa di 300 euro. Così quello che sarebbe potuto essere un semplice furto, come purtroppo si verifica spesso, soprattutto nei supermercati e per prodotti di scarso valore, si è tramutato in un reato ben peggiore che costa ora all'uomo il carcere. Oltre dieci anni dopo quel gesto improprio, a cui probabilmente sarebbe stato possibile solamente riconsegnando la merce rubata tra gli scaffali del punto vendita.