Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palermo, omicidio Roberta Siragusa: il fidanzato muto davanti al gip. Sospetti su dei complici, forse ammazzata in una palestra

  • a
  • a
  • a

Ragazza di 17 anni uccisa a Caccamo in provincia di Palermo fra sabato e domenica. Nuovi elementi dalle indagini. Il primo sviluppo riguarda il fidanzato di Roberta Siragusa, sospettato di averla ammazzata. Pietro Morreale ha fatto oggi, giovedì 28 gennaio, una nuova scena muta davanti al Gip.

 

 

Il giovane si è avvalso della facoltà di non rispondere anche davanti al gip di Termini Imerese che dovrà decidere se convalidare il fermo della Procura. Il corpo della ragazza è stato trovato proprio grazie al fidanzato che domenica mattina si è presentato davanti alla caserma dei carabinieri per indicare il luogo, in un burrone vicino all’abitazione di Roberta Siragusa a Caccamo. I magistrati della Procura ritengono che sia stato Morreale a uccidere la ragazza, dopo una lite per gelosia, e poi a darle fuoco. 

La seconda novità riguarda invece le indagini. I carabinieri di Caccamo - riferisce il quotidiano La Sicilia -  portano avanti le indagini e hanno sequestrato una parte della palestra abbandonata che si trova vicino al campo sportivo del paese oggetto del sopralluogo disposto nell’ambito dell’indagine sulla morte di Roberta. Gli inquirenti sospettano che il corpo della vittima, prima di essere lasciato in fondo al dirupo in cui è stato ritrovato nella mattina di domenica, sia stato portato nell’immobile che è in via di ristrutturazione.

 

 

Secondo l'ipotesi forse proprio lì l’assassino, da solo o con l’aiuto di complici, come sospettano gli investigatori, avrebbe dato fuoco al cadavere prima di spostarlo. I militari, che per il delitto e l’occultamento del corpo hanno fermato il fidanzato di Roberta, hanno preso anche campioni di terra per analizzarli. Si lavora quindi alla ricerca di eventuali complici e sul luogo del delitto perché da riscontri in mano agli inquirenti - a quanto trapela - la giovane sarebbe stata uccisa in un altro luogo rispetto a dove è stata poi ritrovata senza vita.