Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siracusa, influencer Tik Tok denunciata per istigazione al suicidio: video pericolosi. Follower le scriveva: "Se mi saluti mi butto dalla finestra"

  • a
  • a
  • a

Una donna di 48 anni della provincia di Siracusa è stata denunciata per istigazione al suicidio dagli uomini della Polizia postale di Firenze, coordinati dal procuratore aggiunto Luca Tescaroli e dal sostituto Fabio Di Vizio. E' considerata una influencer di Tik Tok. Durante il monitoraggio della rete internet e dei social, la polizia ha individuato un link riconducibile al profilo della influencer siciliana, nel quale viene visualizzato un video ritraente una sfida tra la donna e un uomo, in cui entrambi si avvolgono totalmente il volto, comprese narici e bocca, con il nastro adesivo trasparente, in modo tale da non poter respirare. Il video è stato considerato molto pericoloso, tra l'altro visibile a tutti gli utenti. Poteva quindi essere oggetto di emulazione, in particolare da parte dei giovanissimi, come del resto è drammaticamente accaduto in recenti fatti di cronaca in cui a raccogliere sfide del genere sono stati addirittura dei bambini. 

Le immagini sono state fatte immediatamente rimuovere da parte del Servizio della polizia postale di Roma. Durante l'inchiesta è stato accertato che nel corso del tempo la donna aveva pubblicato anche altri numerosi "video sfide" dello stesso tenore, che le hanno permesso di ottenere la popolarità e l'attenzione di ben 731.000 followers di diverse età. La visione dei video e la loro condivisione sono stati considerati estremamente pericolosi per gli utenti, soprattutto i minorenni che potrebbero essere tentati dal raccogliere la sfida per emulare l'influencer, inconsapevoli dei drammatici rischi che corrono in un comportamento del genere.

In uno dei post, ad esempio, un utente scriveva alla donna: "Ciao, se mi saluti giuro mi lancio dalla finestra". I magistrati titolari dell'indagine hanno disposto un immediato provvedimento di perquisizione. Gli account della donna sono stati sequestrati. E per lei è immediatamente scattata la denuncia per istigazione al suicidio di cui ora dovrà rispondere.