Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bolzano, coniugi scomparsi: il mistero dell'auto. Il figlio Benno fermato dai carabinieri mentre tentava di lavare la Volvo

  • a
  • a
  • a

Coniugi scomparsi a Bolzano dal 4 gennaio scorso. Nessuna traccia di Laura Perselli e di Peter Neumair, nonostante le ricerche dei corpi che da giorni in maniera incessante si concentrano sull'Adige. I vigili del fuoco hanno lavorato per tutta la giornata nel tratto del fiume vicino alla discarica Ischia-Frizzi in Bassa Atesina dove gli inquirenti ritengano possano essere stati gettati i corpi.

 

 

Benno Neumair, il figlio di 30 anni della coppia, è indagato per l’omicidio e l’occultamento dei corpi dei genitori e per valutare la sua posizione si attendono i risultati dei rilievi fatti dai Ris negli scorsi giorni.

L'Adige,it riporta la notizia che nei giorni scorsi, la Volvo V70 di Laura Perselli e Peter Neumair è stata smontata dai carabinieri del Ris di Parma, che nell’auto hanno trovato macchie di sangue e tracce biologiche. Su quell’auto, secondo l’ipotesi accusatoria della procura di Bolzano, il ragazzo avrebbe trasportato i corpi dei genitori fino al fiume e, solo dopo essersene liberato, ha raggiunto l’amica Martina ad Ora.

Nei giorni scorsi, era trapelata la notizia che Benno avrebbe anche tentato di lavare la station wagon dei genitori, ma sarebbe stato fermato dall’intervento dei carabinieri. Sembravano teoremi privi di conferme - riporta la fonte - ma nelle scorse ore, invece, una conferma è arrivata.

"È arrivata un’auto con a bordo un ragazzo e una ragazza, poi sono arrivati i carabinieri che li hanno fermati e hanno portato via il giovane": questa, in sintesi, la testimonianza che l’inviato di Mattino Cinque, Gianmarco Menga è riuscito a raccogliere e a mandare in onda ieri mattina, nel corso della trasmissione di Canale 5.

 

Secondo la ricostruzione era il pomeriggio del 12 gennaio e la Volvo V70 con a bordo Benno e un’amica (ma non si tratta di Martina, la ragazza di Ora che a Chi l'ha visto? ieri sera ha parlato anche attraverso il suo legale) arriva all’autolavaggio Treff.Laimer di via Merano 22. Nell’ auto, c’è anche la bottiglietta di acqua ossigenata acquistata poco prima, che é stata sequestrata dai militari dell’Arma.

Una coppia normale - fa notare la fonte - arrivata per lavare la macchina, ma proprio mentre la Volvo sta per entrare negli spazi dell’autolavaggio, arrivano i carabinieri. Un elemento a conferma dell'ipotesi accusatoria nei confronti di Benno, indagato a piede libero. Giorno dopo giorno diventa comunque sempre più intricato questo giallo che si avvia verso il mese di indagini.