Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Brescia, medico uccide pazienti Covid: "Sento ancora il fischio dell'ossigeno". Ha somministrato farmaci letali

  • a
  • a
  • a

E' Carlo Mosca, primario dell'ospedale di Montichiari a Brescia, il medico arrestato perché accusato di aver somministrato dei farmaci letali a due pazienti durante la prima ondata del Covid che nella primavera dello scorso anno colpì duramente in quei territori. Il dottore fu intervistato nel giugno dello scorso anno, quando la prima fase della pandemia si era attenuata, dal Corriere della Sera. L'intervista, alla luce dell'arresto il 25 gennaio, è stata riproposta. A quel tempo il medico raccontava la sua esperienza in prima linea: "Sento ancora il fischio dell'ossigeno, anche adesso che è tutto spento". Poi parlava della difficoltà avute a causa del distacco forzato con la famiglia: "Mi è stata data la camera di un B&b a Montichiari, ho passato lì la prima notte il 24 febbraio. E da mia figlia e dalla mia compagna, che vivono a Mantova, sono tornato il 3 maggio".