Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bolzano, coniugi scomparsi: sospetti sul figlio. Una telecamera inguaia Benno, quello che non torna nel racconto

  • a
  • a
  • a

Qualcosa non va, non torna nel racconto del figlio della coppia scomparsa a Bolzano. E' lui il sospettato, indagato per omicidio e occultamento di cadavere.

Peter Neumair, 63 anni, e la moglie Laura Perselli, 68 anni, sono scomparsi nel nulla il 4 gennaio scorso. Ora dopo ricerche vane, la svolta nell'indagine col figlio Benno, 30 anni, appassionato di fitness e insegnante di matematica in una scuola sospetto di duplice omicidio volontario e soppressione di cadavere. Il magistrato ha disposto il sequestro della bella casa in via Castel Roncolo 22, in attesa dell’arrivo dei carabinieri del Ris di Parma che effettueranno i rilievi alla ricerca di tracce sia nell’appartamento, che in giardino. Ricerche dei corpi in una zona compresa tra Laives e Vadena, a sud della città, vicino all’Adige. È proprio nel fiume che potrebbero essere stati gettati.

 



Il Corriere dell’Alto Adige” riferisce della svolta alle indagini grazie ad alcune immagini di una telecamera di un centro per lo smaltimento dei rifiuti che avrebbe ripreso l’auto guidata da Benno, in contrasto con quello che l’uomo aveva dichiarato ai carabinieri.

A dare l’allarme era stata la sorella di Benno, Madè, che da Monaco di Baviera, dove lavora come medico, non riusciva più a mettersi in contatto con i genitori via WhatsApp.


La versione del figlio - riferisce Il Fatto Quotidiano - aveva numerose falle, soprattutto perché l’uomo aveva descritto l’abbigliamento di Laura e Peter, ma non li aveva visti uscire. Le indagini hanno permesso di raccogliere voci su una vita familiare burrascosa. I rapporti di Benno con i propri genitori si erano deteriorati e quindi gli investigatori, che non hanno mai creduto all’allontanamento volontario della coppia, si sono concentrati sulla ricostruzione delle mosse del figlio. Lo hanno coinvolto apparentemente nelle indagini, lo hanno portato sul Renon per fargli ripercorrere i sentieri dove aveva passeggiato con il cane la mattina del 5 gennaio. Speravano si tradisse.