Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Riccardo Cioni, la verità sulla morte del deejay toscano: "Non è stato il Covid"

  • a
  • a
  • a

 In un post su Facebook, la moglie, il figlio, i cognati e i nipoti di Riccardo Cioni precisano che il noto deejay toscano non è deceduto per le conseguenze del coronavirus, come si era appreso in un primo momento, ma è stato «strappato dai propri affetti familiari, a causa di breve ed improvvisa malattia non collegata alla recente epidemia».

 

 
Cioni aveva iniziato la sua carriera negli anni ’70 e ha continuato a essere uno dei deejay più contesi da locali e feste all’aperto in Toscana e nel resto d’Italia. Nel corso della sua carriera era riuscito a farsi conoscere anche a livello nazionale in trasmissioni tematiche, quali ad esempio «Discoring». Tra le sue produzioni e più conosciute spiccano «In America», «Fog» e «Arizona». Tantissimi i messaggi di cordoglio apparsi sui social.