Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bergamo, omicidio di Dalmine: Franco Colleoni con il cranio sfondato. "Scena agghiacciante" racconta il sindaco

  • a
  • a
  • a

"Una cosa assurda. Umanamente sono addolorato. Lo conoscevo da anni, non era più in politica da tempo, ma dava sempre spunti interessanti". Lo afferma Francesco Bramani, sindaco di Dalmine ed esponente della Lega, contattato dall’Adnkronos sulla morte di Franco Colleoni, 68 anni, ucciso questa mattina alle 11,30 in provincia di Bergamo, nel cortile vicino al suo ristorante "Il carroccio".

 

 

"Ho parlato con i carabinieri, che non si sono sbilanciati. Però mi hanno parlato di una scena agghiacciante, con Colleoni che aveva moltissime ferite alla testa" ha aggiunto il primo cittadino. Addirittura il cranio dell'uomo - ex segretario provinciale della Lega ed ex assessore della Provincia - è stato sfondato. Tra le ipotesi su cui lavorano i carabinieri di Treviglio, quella della rapina o furto degenerati: la casa era a soqquadro. Ma nessuna pista, compresa quella del delitto maturato in un contesto affettivo, viene tralasciata.

 

 

Compara offerte Luce e Gas