Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Maria Luisa Ruggerone, la morte nella sua villa: per il figlio è stata uccisa in una rapina. Il giallo del divano pieno di sangue

  • a
  • a
  • a

Poco più di un anno fa, il 14 luglio 2019, Maria Luisa Ruggerone, 88 anni, ex primario di terapia intensiva e rianimazione e capo del Centro veleni dell’ospedale di Niguarda, fu trovata senza vita nella sua villetta di Sesto Calende, in provincia di Varese. Secondo l'autopsia, la donna era stata colta da una peritonite stercoracea, seguita da una grave emorragia interna e choc settico che l’aveva portata alla morte, ma il figlio Maurizio Fantoni si è sempre detto convinto che la poveretta sia stata brutalmente uccisa durante una rapina. Sul caso è tornato anche Quarto Grado, il programma di Gianluigi Nuzzi in onda su Rete4.

 

 

Il 26 settembre 2019 la Procura aveva chiesto l’archiviazione del caso ma proprio su insistenza del figlio di Maria Luisa Ruggerone il gip di Busto Arsizio, Luisa Bovitutti, ha accolto la richiesta di nuovi accertamenti con la formula dell’incidente probatorio. Un secondo esame autoptico eseguito è stato eseguito lo scorso 27 ottobre, e il 19 novembre si è proceduto a un sopralluogo nella villetta della donna. Fu il figlio a ritrovare il corpo dell’anziana con addosso solo un reggiseno su un divano macchiato da una grossa chiazza rossa. La donna presentava polsi e mani di colore bluastro e l’addome gonfio, e a terra e sui tavolini c’erano ben 36 fazzolettini e brandelli di giornale impregnati di sangue che sarebbe stato ritrovato anche in soggiorno, cucina e bagno. Ma una serie di particolari sospetti, dal vestito strappato finito sotto la panca alla borsetta sparita con tutto il suo contenuto (portafogli, carte di credito, chiavi dell’appartamento di Milano e dell’auto), alla recinzione schiacciata in un punto come se qualcuno si fosse introdotto nel giardino. Il caso insomma è ancora tutto da risolvere.