Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Dpcm, verso stop spostamenti da Comune a Natale e Capodanno. Governo: prevale la linea dura, le ipotesi che fa Conte

Le ultime indiscrezioni sui nuovi provvedimenti

  • a
  • a
  • a

Linea dura per le feste. Divieto di uscire dal proprio Comune a Natale e Capodanno. E' una delle ipotesi emerse dalla riunione del premier Giuseppe Conte con i capi delegazione e il ministro Boccia in vista del varo del nuovo Dpcm con le misure di contrasto al Covid.

Secondo quanto emerge, lo stop potrebbe valere nei giorni del 25 e 26 dicembre e del primo gennaio. Dal 21 dicembre invece gli spostamenti tra Regioni gialle saranno consentiti solo per far ritorno al proprio luogo di residenza.

Il nuovo Dpcm potrebbe essere affiancato da un decreto legge, con le misure che saranno in vigore durante le festività. Il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia, ha anticipato i due pilastri dell'impianto: "Limiti di orario e limitazione della mobilità tra Regioni". Quindi coprifuoco alle 22 sempre e divieto di spostamento pure tra zone gialle. I ristoranti potrebbero restare sempre aperti a pranzo, anche a Natale, Santo Stefano e Capodanno, nella zona gialla. Il 31 dicembre, per evitare veglioni, quelli all'interno degli hotel potrebbero dover chiudere alle 18.

 

Negozi chiusi alle 21 e stop, dal 21 dicembre, agli spostamenti tra le Regioni per raggiungere le seconde case. Sempre dal 21 gli spostamenti tra Regioni gialle potrebbero essere consentiti solo per far ritorno al proprio luogo di residenza, con una previsione che dovrebbe essere estesa ai luoghi di domicilio. Vietate le crociere nel periodo natalizio e confermata la chiusura degli impianti sciistici.

 

La deroga per i ricongiungimenti familiari Mercoledì il ministro Speranza incontrerà le Regioni, alle quali arriverà una bozza del Decreto per un'ultima valutazione, prima del Consiglio dei ministri alle 21. Oltre al Dpcm potrebbe esserci anche un apposito decreto legge. Uno strumento di rango superiore, più adatto - viene sottolineato - a dare copertura normativa alle restrizioni delle libertà personali previste: in particolare, per le deroghe alla mobilità tra Regioni. Il premier starebbe valutando l'ipotesi  che gli spostamenti possano avvenire non solo per i residenti, ma anche per i ricongiungimenti familiari. 

 

L'ipotesi di Conte sulla scuola: "In aula dal 14 dicembre" Sul fronte scuola, "per dare un segnale" i ragazzi delle superiori (nelle Regioni gialle) potrebbero tornare in aula il 14 dicembre. E' l'ipotesi su cui il premier Conte avrebbe sondato i capigruppo di maggioranza, precisando che deve essere ancora sottoposta al Cts. Di tutt'altro segno la posizione della Commissione europea che nella bozza delle linee guida sulle misure anti-Covid per le feste di fine anno invita a "valutare di allungare le vacanze scolastiche" o di ricorrere ad "un periodo di apprendimento a distanza" come cuscinetto prima della ripresa delle attività.