Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccino Covid, il piano italiano. Subito medici, sanitari, Rsa, ultra 80enni e categorie essenziali, scuola compresa. Prime dosi tra 23 e 26 gennaio

Julie Mary Marini
  • a
  • a
  • a

Il personale medico e sanitario e le Rsa saranno i destinatari delle prime dosi di vaccino che arriveranno in Italia. Verranno in seguito privilegiati prima gli ultra 80enni, poi via via le fasce di età inferiori e i lavoratori considerati essenziali, scuola compresa. E' quanto filtra da fonti di maggioranza relativamente al piano vaccini che oggi il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha illustrato nella riunione dei capigruppo. Dal primo trimestre 2021 dovrebbero essere 202 milioni le dosi disponibili e le prime arriveranno tra il 23 e il 26 gennaio. Verranno distribuite direttamente ai 300 punti di somministrazione sparsi in tutto il territorio nazionale. La gestione dell'operazione sarà totalmente statale e centralizzata e saranno le indicazioni mediche e scientifiche a dettare tempi e regole. Non si escludono vaccinazioni di massa utilizzando spazi pubblici come palestre e fiere. L'obiettivo è precedere una possibile terza ondata. Scartato per ora l'obbligo di vaccinazione, saranno invece avviate campagne di informazione e persuasione molto decise. Secondo gli esperti occorre vaccinare 40 milioni di italiani per raggiungere l'immunità di gregge.