Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Dpcm Covid, pugno duro del governo. Coprifuoco confermato, niente sci, no deroghe per bar e ristoranti. Avanti fino al 15 gennaio. Chiusi i confini sulle Alpi?

Marianna Castelli
  • a
  • a
  • a

Evitare a tutti i costi una terza ondata di Covid 19. Il governo Conte ha spiegato alle regioni che è questo l'obiettivo del prossimo Dpcm che dovrà entrare in vigore nella giornata di venerdì 4 dicembre. Nella videoconferenza di oggi, 1 dicembre, l'esecutivo non ha mostrato alcuna volontà di concedere allentamenti delle restrizioni nel periodo delle feste di Natale. E' scontato che il coprifuoco resterà dalle ore 22 anche per le giornate di Natale e Capodanno. Bar e ristoranti chiusi alle 18 nelle regioni gialle, come dovrebbero diventare tutte entro le feste. Nel nuovo Dpcm il punto cardine sarà il divieto assoluto di assembramento e non è esclusa la chiusura dei confini sulle Alpi per impedire che agli italiani venga in mente di raggiungere le località sciistiche dell'estero. Il nuovo Dpcm dovrebbe durare fino a venerdì 15 gennaio. Nessuna possibilità di riapertura degli impianti sciistici. Confermato il divieto di spostamento da regione a regione. Si sta valutando una possibile deroga esclusivamente per parenti e anziani soli.