Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, mazzata anche sulle nascite: l'Italia ora rischia di scendere sotto le 400mila all'anno. Allarme sul fronte lavoro

Esplora:

  • a
  • a
  • a

L'emergenza Covid non influisce soltanto sui decessi, ma anche sui nuovi nati. Lo ha spiegato il presidente dell'Istat, Gian Carlo Blangiardo, in audizione sulla manovra davanti alle Commissioni bilancio della Camera e del Senato. Nel 2019 in Italia sono nati 420mila bambini, il minimo in 150 anni di unità nazionale. Secondo gli studi, per il 2020 potrebbero essere addirittura 408mila, per poi ridursi ulteriormente nel corso del 2021 a 393mila. Questo per il clima di paura e incertezza, ma anche per le difficoltà economiche e materiali di numerose famiglie. Il presidente Istat ha spiegato che la crisi riguarda soprattutto i giovani e il Mezzogiorno. Nel sud solo nel settore dei servizi le donne occupate sono 809mila in meno rispetto al secondo trimestre 2019. Il tasso di occupazione femminile 15-64 anni si attesta al 48,4%, contro il 66,6% di quello maschile, collocandoci al penultimo posto della graduatoria europea, sopra solo alla Grecia.