Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, ha rischiato di morire a 12 anni. Salvato dopo 14 giorni di rianimazione al Meyer di Firenze

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Ha rischiato di morire per le complicazioni legate al Covid. E' stato salvato dal lavoro di una equipe multidisciplinare dell'ospedale pediatrico Meyer di Firenze. Ha appena dodici anni. Dopo 14 giorni trascorsi in rianimazione e una degenza nel reparto di pediatria, è potuto tornare finalmente a casa. E' estremamente raro che il Covid metta a rischio la vita dei bambini e degli adolescenti ma stavolta l'infezione ha scatenato un gravissimo quadro infiammatorio, che in termini tecnici è definito Pims: una sindrome di infiammazione multi-sistemica correlata all’infezione da Covid identificata nell’età pediatrica. Una vera e propria tempesta di citochine, proteine che regolano la risposta immunitaria dell’organismo. Il ragazzino, tra l'altro, non soffriva di alcuna patologia pregressa. Era stato trasferito dal pronto soccorso di un altro ospedale. Le sue condizioni sono subito apparse gravissime a causa di una insufficienza multi-organo. Per giorni si è temuto il peggio, anche perché le condizioni del paziente non davano segni di miglioramento. Alla fine è stato efficace l’utilizzo di un farmaco inibitore della Interleuchina-1, di solito usato in gravi patologie autoimmuni, insieme ad altre terapie anti-infiammatorie (immunoglobuline e cortisone).