Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, il professor Galli: "Se i dati non migliorano, grossi guai a Natale". Bocciata tutta la politica: "Gestione post lockdown molto carente"

  • a
  • a
  • a

Massimo Galli lancia per l'ennesima volta l'allarme: "Se i dati non migliorano in maniera sensibile, a Natale sareno in grossi guai". Il primario di malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano e presidente della Società italiana malattie infettive e tropicali, lo ha detto durante il Festival della salute globale. L'infettivologo ha spiegato che "la gestione del post lockdown è stata evidentemente molto carente. Abbiamo riaperto senza che fossero prese precauzioni sufficienti e senza avviare a soluzione problemi come la sicurezza dei trasporti pubblici e il potenziamento della diagnostica e delle strutture sanitarie". Una sonora bocciatura sia per il governo centrale che per le Regioni.  "Sul piano assistenziale - ha aggiunto Galli - l'attuale gestione deve affrontare gli stessi problemi di marzo. Chiudere adesso per salvare il Natale può non essere più sufficiente. I tradizionali cenoni allargati quest'anno non saranno comunque possibili. Alla luce dei numeri, se gli interventi non funzionassero arriveremmo a Natale nel pieno della seconda ondata". E ancora: "Giusto confidare nel vaccino, sbagliato stare ad aspettarlo senza agire per il contenimento della pandemia".