Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Polizia scopre ladro seriale e non solo

Esplora:

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

I poliziotti della Volante lo avevano sorpreso in via Spagnoli a Perugia con addosso arnesi da scasso e refurtiva. L'uomo, un italiano nato a Pola del '76 pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, sul quale pendeva anche un provvedimento di aggravamento della misura dell'obbligo di dimora, era stato ristretto nel carcere di Capanne. L'attività investigativa ha permesso di ricondurre il pregiudicato ad un furto in un laboratorio orafo di via Cavour messo a segno poche ore prima. Tradito sia dall'impianto di videosorveglianza che dal riconoscimento dei monili di cui era in possesso che la titolare dell'esercizio commerciale ha riconosciuto tra quelli asportati dal suo negozio. Proseguono le sugli altri episodi di furto verificatisi di notte in quella zona della città.  VERSO IL RIMPATRIO Identificato lo scorso 27 dicembre in occasione di una rissa scoppiata tra alcuni stranieri in un appartamento della città, in quell'occasione i poliziotti gli avevano anche prestato soccorso chiedendo l'intervento del 118 a causa delle lesioni che aveva riportato nella colluttazione scoppiata per ragioni ancora al vaglio degli investigatori.  Ma una volta dimesso dal nosocomio cittadino per l'uomo, un tunisino dell'85, irregolare e con precedenti per violazione delle norme in materia di immigrazione, non c'è stato scampo. Ieri i poliziotti lo hanno rintracciato e hanno verificato la sua condizione di clandestinità, aggravata dal fatto che non ha volontariamente voluto lasciare il territorio nazionale. Nel pomeriggio è stato accompagnato in un centro di identificazione ed espulsione per il suo imminente rimpatrio.