Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus: tamponi per chi rientra da Paesi a rischio, ecco i numeri da chiamare

Esplora:

Obbligo per verificare l'eventuale contagio

  • a
  • a
  • a

L’ordinanza firmata ieri dal ministro della Salute Roberto Speranza stabilisce che per chi arriva in Italia dopo essere stato in Grecia, Croazia,  Spagna o Malta, vige l’obbligo di sottoporsi a tampone per verificare l’eventuale contagio da Covid-19.

 

 

Il provvedimento prevede l’obbligo di presentare un test molecolare o antigenico, con risultato negativo, effettuato per mezzo di tampone nelle 72 ore antecedenti l’ingresso in Italia, oppure l’obbligo di sottoporsi al tampone al momento dell’arrivo (con test rapidi che saranno sperimentalmente adottati nei principali aeroporti) o nelle 48 ore dal rientro in Italia per chi arriva da Croazia, Grecia, Malta e Spagna. Tra le misure contenute nell’ordinanza anche il divieto di ingresso e transito dalla Colombia che è stata aggiunta alla lista dei Paesi a rischio.

 

Per chi è diretto in Italia e proviene da Spagna, Grecia, Croazia e Malta, spiega il ministero della Salute, è consigliabile presentarsi all’imbarco in aeroporto con l’attestazione di un test (molecolare o antigenico) eseguito nelle 72 ore prima e risultato negativo. In questo modo si eviteranno attese o trafile, una volta arrivati in Italia.

Per informazioni è possibile chiamare il ministero della Salute ai seguenti numeri: dall’Italia al numero gratuito 1500, dall’estero ai numeri +39.02.32008345 - +39.02.89619015 - +39.02.83905385.

 Chi non abbia eseguito un test prima di partire, una volta arrivato in Italia dovrà telefonare ai numeri regionali presenti sul sito web del Ministero della Salute consultabili nella sezione «A chi rivolgersi» o sui siti web delle singole Regioni per segnalare il suo ritorno da Spagna, Grecia, Croazia e Malta. La Asl competente lo sottoporrà a un test diagnostico entro 48 ore come previsto dall’ordinanza del ministro della Salute del 12 agosto 2020.

Nei prossimi giorni, nei principali aeroporti, nei porti e linee di confine, in via sperimentale si potranno trovare postazioni per eseguire i test rapidi per chi è sprovvisto dell’attestazione del test eseguito prima della partenza e risultato negativo.