Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tre furti in un'ora e mezzo

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

Tre furti nel giro di un'ora e mezza. E' successo l'altra sera a Umbertide tra le 18 e le 19.30. Colpite abitazioni e aziende in viale Unità d'Italia, via Petrogalli e via XX Settembre, che si trovano tutte a meno di cento metri di distanza tra loro. Il che potrebbe far pensare a un'unica regia. Forse una sola persona o una banda che si è divisa i compiti. Il primo furto in viale Unità d'Italia, in una abitazione unifamiliare. Qui il ladro ha sfruttato la canaletta di scolo per arrampicarsi fino al secondo piano, sul retro della palazzina. Ha rotto una finestra ed è entrato. E' sceso al primo piano, è entrato nell'appartamento e poi in camera. Si è chiuso dentro e col frullino ha aperto la cassaforte. Il rumore è stato però sentito da un membro della famiglia, che stava lavorando a piano terra, dove ha sede l'azienda artigianale di famiglia. Si è accorto del furto e ha richiamato l'attenzione di vicini e collaboratori. Il ladro, vistosi scoperto, si è buttato giù dal piano e per coprirsi la fuga ha iniziato a lanciare dei pezzi di legna del camino contro chi lo inseguiva per bloccarlo, riuscendo a dileguarsi. Magro il bottino: pochi soldi e qualche oggetto in oro. Il secondo furto è avvenuto in via Petrogalli, davanti alla farmacia Burelli. Anche qui il ladro è entrato da una finestra ed è riuscito a rubare una catenina d'oro, poi il proprietario di casa l'ha scoperto e si è subito dato alla fuga. Il terzo furto è avvenuto ai danni di un'azienda artigianale di via XX Settembre: qui i ladri hanno portato via un furgoncino Volkswagen con tutti gli attrezzi da lavoro dell'idraulico proprietario del mezzo. Furti tutti accomunati dall'orario: i ladri hanno scelto il buio pomeridiano, cercando di approfittare dell'assenza in casa dei proprietari.