Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Agente della penitenziaria si suicida in carcere

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

Un agente della polizia penitenziaria di 40 anni, in servizio alla Casa Circondariale di Perugia Capanne – di origini campane, sposato e padre di un bambino - si è tolto la vita nella Caserma Agenti del carcere. A dare la triste notizia è Fabrizio Bonino, segretario nazionale per l'Umbria del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe. “Sembra davvero non avere fine il mal di vivere che caratterizza gli appartenenti al corpo di polizia penitenziaria”, aggiunge, affranto, il leader umbro del Sappe. “Tragedie che ogni volta che si ripetono determinano in tutti noi grande dolore e angoscia. E ogni volta la domanda che ci poniamo è sempre la stessa: si poteva fare qualcosa per impedire queste morti ingiuste? Si poteva intercettare il disagio che caratterizzava questi uomini e, quindi, intervenire per tempo? Siamo vicini alla moglie, al figlio, ai familiari e agli amici”, conclude Bonino.