Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sfuggiti all'Isis nuova vita per due bambini

Marina Rosati
  • a
  • a
  • a

Due storie, una più bella dell'altra che vedono protagonisti dei bambini, bambini purtroppo con dei gravi problemi fisici. La prima riguarda una famiglia che proprio mercoledì 26 ottobre è arrivata a Fiumicino dove ad accoglierli c'erano i responsabili dell'Istituto Serafico di Assisi che hanno attivato il progetto i "Letti di Francesco" per dare un aiuto sanitario a minorenni provenienti da zone povere e di guerra del mondo. La famiglia Kmosh, iracheni cristiani, è composta da: Nameer e sua moglie Elham, minacciati perché cristiani dai miliziani dell'Isis e costretti a lasciare Kirkuk, insieme ai loro 4 figli, una con una paralisi celebrale dalla nascita e un altro con gravi problemi alla vista. Grazie a un sinergia positiva tra vari enti tra cui il Ministero la famiglia irachena ha trovato ospitalità ad Assisi, in una casa messa a disposizione dal Sacro convento, sarà seguita dalla Caritas diocesana, mentre i bambini saranno, come detto seguiti al Serafico. L'altra storia riguarda Eddy, un bambino microcefalo di 6 anni che arriva da un piccolo paesino del Kosovo dove viveva in condizioni di estrema povertà con i suoi genitori e i suoi 3 fratelli. Eddy soffre di una tetraparesi spastica, serie difficoltà ad alimentarsi, soffre di epilessia e continui problemi respiratori. Oggi Eddy è stato accolto in affido da una famiglia di Deruta ed è in cura all'Istituto assisano presieduto da Francesca Di Maolo.