Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stroncato giro di droga, tutto è nato da un litigio

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

La polizia ha arrestato due cittadini albanesi, un uomo ed una donna, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente in via Gallenga a Perugia. La volante ha notato due uomini ed una donna che discutevano animatamente.  Uno dei due uomini e la donna, appena resisi conto della presenza della pattuglia che si dirigeva verso di loro hanno tentato di disfarsi di quello che detenevano, buttando tutto in una siepe lì vicino. I poliziotti hanno trovato un piccolo involucro di cellophane bianco, un cacciavite e un telefono cellulare. Recuperati gli oggetti, i tre sono stati identificati: l'uomo e la donna cittadini albanesi, incensurati, e l'altro un cittadino tunisino. Chiarita la dinamica: il tunisino, tossicodipendente, stava trattando con la donna l'acquisto di una dose di cocaina. Appena ha visto che lei aveva addosso un involucro più grande ha provato ad appropriarsene; a quel punto sarebbe intervenuto, impugnando un cacciavite, l'altro uomo, complice della spacciatrice e che supervisionava la compravendita, che avviava la lite. Recuperata cocaina per un totale di 11 grammi circa. I due erano in possesso di un mazzo di chiavi di una abitazione, di cui non volevano rivelare l'indirizzo. Ma la zona era stata già mappata dai poliziotti che avevano ricevuto segnalazioni di strane frequentazioni notturne e che tenevano da tempo sott'occhio qualche appartamento. Le chiavi hanno aperto proprio il portone di una di queste abitazioni, già evidenziatasi per via vai sospetti, poco distante. La perquisizione dell'appartamento ha portato al ritrovamento di quasi 6 grammi di cocaina confezionati con cellophane del medesimo tipo di quello trovato nella siepe e di materiale per il confezionamento. L'uomo, del 1982 e la donna, del 1985 albanesi, rei di detenzione a fini di spaccio, sono stati arrestati e condotti in carcere; erano entrambi regolarmente presenti sul territorio nazionale e incensurati e domiciliati in un appartamento di Largo Madonna Alta.