Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Botte e violenze alla moglie davanti ai figli minori, allontanato

default_image

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

Da tempo viveva una situazione difficile, fatta di violenze da parte del marito. Una delle quali, circa due mesi fa, la aveva obbligata a recarsi al pronto soccorso per essere curata. Alla base del litigio lo sperpero di soldi alle slot machines e, poi, l'impossibilità di pagare la bolletta del gas. L'uomo iniziava a minacciare la moglie dicendole “ti ammazzo”, sbattendola a terra e colpendola ripetutamente sulla testa con i piedi. La donna denunciava che non si era trattato di un singolo episodio ma di essere stata vittima nel tempo di numerosi episodi di violenza da parte del marito, dedito al consumo di alcool e al gioco, episodi a cui spesso erano presenti i cinque figli minorenni che intervenivano per difendere la madre. Dichiarava, ancora, che in un'altra occasione di abuso di alcool era stata costretta ad un rapporto sessuale violento, che le aveva provocato una grave emorragia. I fatti venivano confermati da referti medici e dalla testimonianza di persone, vicine alla vittima, informate sui fatti. La donna, sentita un'ultima volta alla fine di settembre, confermava le precedenti dichiarazioni, dicendo di convivere ancora con il marito nonostante l'ultimo episodio di violenza accaduto alla presenza dei cinque figli, ma di vivere nel timore che potessero accaderle più gravi conseguenze, tanto a lei quanto ai ragazzi. L'uomo, un magrebino di 48 anni, è stato così allontanato per maltrattamenti in famiglia aggravati dalla presenza di minori e violenza sessuale aggravata nei confronti della moglie.