Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Scippi, furti e degrado: allarme nel quartiere

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

“Non si vive più”. Il cittadino denuncia, il Corriere dà voce, ma poi? Marco un agente di commercio si dice deluso e inquieto per quanto ha vissuto. Nel quartiere di Madonna Alta, dove Marco A. descrive una “situazione di estremo abbandono dove quotidianamente avvengono episodi di furti, persone che si drogano alla luce del sole, episodi di scippi ai danni di persone anziane”. Verso le 20 di venerdì scorso ha parcheggiato l'autovettura in via Armando Diaz per non più di mezz'ora per andare a trovare i genitori e al ritorno l'auto aveva il finestrino rotto, mancava il pc e avevano rovistato un po' ovunque. “Nel portatile con cui svolgo la mia attività, sono inseriti i miei ricordi di una vita privata e lavorativa”: Marco si sente defraudato del suo lavoro e della sua vita, ma la cosa peggiore avviene quando tentando di denunciare l'accaduto per proteggere i dati sensibili del suo lavoro "mi sono sentito rispondere di ritornare l'indomani mattina perché per una serie di motivazioni assurde non c'era nessuno disponibile per poter formalizzare una denuncia”. Servizio integrale a cura di Federica Bleve sul Corriere dell'Umbria del 10 ottobre