Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Avances ai ragazzini, preoccupazione tra le mamme

Paura nel quartiere di Borgo Bovio

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Il passaparola è partito da Borgo Bovio a Terni e in breve si è diffuso anche nelle zone limitrofe. Di giorno in giorno fioccano segnalazioni anche se, per ora, non sono stati adottati provvedimenti di alcun tipo. Nel popoloso quartiere, a ridosso delle acciaierie, ci sarebbe un maniaco. Così almeno lo definiscono alcune mamme preoccupate che, a voce e su Facebook, si scambiano commenti indignati. “C'è un tizio - dicono - che “infastidisce” i ragazzini, maschi o femmine che siano, invitandoli a salire in macchina o comunque chiedendo aiuto”. E per impietosirli farebbe leva sul suo aspetto da disabile. Oltre a mettere in guardia i ragazzini della zona, i genitori forniscono altri dettagli tra cui il colore bordeaux scuro dell'autovettura che l'uomo utilizzerebbe. Stando ai racconti dei cittadini, le “performance” dell'uomo si sarebbero registrate soprattutto di sera. Alcuni testimoni oculari giurano di avere bene impresso negli occhi di chi si tratta e di sapere anche il suo nome e il suo cognome. I genitori hanno deciso di mettersi insieme dando vita a un comitato spontaneo proprio per affrontare al meglio la questione. “Ma bisogna agire in fretta - dicono - perché questa persona potrebbe diventare molto pericolosa”. Bocche cucite da parte di polizia e carabinieri che tengono gli occhi ben aperti anche se, al momento, non risulterebbero denunce formali. Si parla però di più segnalazioni telefoniche. Gli inquirenti non si sbilanciano in attesa di confermare a pieno la veridicità della notizia. Certo è che il fatto in sé è grave. Ma al momento non è chiaro se oltre alle avances, l'uomo si sia spinto oltre e dunque se si siano consumati dei veri e propri reati. Alcuni residenti giurano di averlo visto in azione anche nelle ultime ore e proprio per questo sono stati intensificati i servizi di controllo nel quartiere soprattutto al calar del sole. Non è la prima volta che si verificano episodi del genere. Appena qualche settimana fa la polizia aveva denunciato a piede libero un ternano di 59 anni, ritenuto colpevole di molestie alle persone. L'uomo, secondo l'accusa, si metteva davanti alle vetrine di alcuni esercizi commerciali di viale Oberdan e, con i pantaloni parzialmente abbassati, fissava insistentemente e a lungo le persone all'interno dei negozi, assumendo a volte atteggiamenti provocatori.