Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Muore mentre pesca, oggi l'ultimo saluto a Matteo

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Bastia Umbra è sconvolta per la morte del giovanissimo Matteo Pierri. Mercoledì 31 agosto alle 17.30 nella chiesa di San Cristoforo nella popolosa frazione di Ospedalicchio si terranno i funerali del ragazzo annegato nelle acque del lago Trasimeno nel pomeriggio di domenica 28. Per gli inquirenti che hanno svolto le indagini sul decesso, non ci sono dubbi che si sia trattato di una tragica fatalità. Sul corpo ritrovato dalla fidanzata, non lontano da un pontile dove Pierri era andato a pescare, nessun segno di violenza o lesioni tali da far ricondurre la caduta in acqua all'azione di terze persone. Il giovane potrebbe essere rimasto vittima di un malore e di conseguenza essere caduto in acqua senza riuscire a riemergerne. La tragedia si è consumata a Passignano sul Trasimeno, nella piccola frazione di San Donato, in un punto lungo il lago dove insistono una serie di proprietà private e di piccole scese sull'acqua. In una di queste Matteo era andato a pescare, mentre la fidanzata lo aspettava a casa, nella proprietà della famiglia Pierri, acquistata tanti anni fa proprio a Passignano. Quando dopo ore non l'ha visto tornare è uscita per cercalo, fino a quando ha visto il corpo, ormai senza vita, di Matteo, non lontano dalla riva. Le grida disperate della ragazza hanno richiamato l'attenzione dei vicini e tra di questi anche di un militare che ha tentato di recuperare il corpo. Intanto martedì 30, con il favore della luce, sul posto sono tornati gli agenti della polizia municipale di Passignano per un ulteriore sopralluogo. Mercoledì 31 la comunità si riunirà per dare l'ultimo saluto a Matteo rimasto vittima di una tragedia che ha commosso anche la popolazione passignanese.