Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terremoto, muore famiglia narnese: le due bimbe vive per miracolo

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Lutto gravissimo anche nella città di Narni per la famiglia Sargeni che si è vista portare via una famiglia intera dal tremendo terremoto avvenuto nella notte fra martedì 22 e mercoledì 23 agosto lungo l'Appennino. Quattro morti e salve per miracolo le bambine di una famiglia umbra originaria di Camerata di Todi. A dover soccombere sotto le macerie della città distrutta di Amatrice, Adriano Sargeni, poliziotto 84enne in pensione, la moglie, la figlia Gabriella e il genero Mauro Marincioni, finanziere in operativo anche a Terni qualche hanno fa. I quattro, i due nonni, la coppia di 50 anni lui e 47 lei e le due bambine di 11 e 13 si trovavano nella casa di famiglia ad Amatrice dove si trasferivano spesso l'estate. In questi giorni c'era anche la festa dedicata al popolare primo piatto famosissimo in tutta Italia e nel mondo e i sei erano nel paese colpito dal sisma. Per i 4 adulti nulla da fare mentre, intorno alle 17 di mercoledì 24 agosto, le due nipotine di 10 e 12 anni sono state estratte vive dalle macerie e ricoverate negli ospedali di Rieti e al Gemelli di Roma. Le due piccole non sono in pericolo di vita. I parenti di Camerata e Narni sono sconvolti e ora i soccorsi sono per le due bambine rimaste sole al mondo senza genitori e nonni mentre le lacrime sono per la tragedia di una famiglia distrutta.