Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il Papa pellegrino ad Assisi, visita blindata: così minuto per minuto

L'attesa ad Assisi (foto Berti)

Flavia Pagliochini
  • a
  • a
  • a

Una visita di circa tre ore (dalle 15 alle 18 di giovedì 4 agosto), concentrata nella Basilica di Santa Maria degli Angeli: il ritorno di Francesco nella città serafica, in occasione dell'VIII Centenario del Perdono di Assisi, che cade nell'Anno Santo straordinario della Misericordia, sarà in forma "strettamente privata", lontano dal tour de force che il Santo Padre fece il 4 ottobre del 2013. LEGGI qui il programma della visita - GUARDA le foto dell'attesa Circa 4.000 i pellegrini attesi, con mille i posti a sedere disponibili all'interno della Basilica di Santa Maria degli Angeli per laici e religiosi. All'esterno ci saranno 3mila posti, di cui un migliaio a sedere, distribuiti ai fedeli che potranno ascoltare e vedere papa Francesco attraverso due maxi schermo. I giornalisti accreditati sono oltre duecento provenienti da tutto il mondo. Tv2000, in collaborazione con il Ctv, dalle 15,20 alle 18 trasmetterà in diretta la visita. Nonostante il mancato pienone, le misure di sicurezza saranno massime: è stato già attuato un piano per assicurare una mobilità ottimale, già annunciati disagi alla circolazione nel centro della frazione assisana, con vie chiuse e strade alternative chiaramente segnalate. Per i fedeli saranno predisposti percorsi dedicati e oltre ad appositi punti di filtraggio e appropriate misure di carattere sanitario: nella piazza - dove i fedeli, anche se muniti di pass, saranno controllati dalle forze dell'ordine - saranno allestiti due tendoni à la ospedali da campo per un primo soccorso in caso di eventuali malori; previste anche migliaia di bottigliette, fontanelle provvisorie e cisterne d'acqua per consentire ai più accaldati di rinfrescarsi. Oltre al blocco del traffico nei dintorni della Basilica, è previsto il blocco dei mezzi pesanti, sopra i 35 quintali a pieno carico nel territorio di Santa Maria degli Angeli (il divieto è dalle 8 alle 20 ma solo a Santa Maria, escluso il tratto di superstrada, dove comunque, fino a qualche giorno fa, erano in corso i lavori Anas), mentre la no-fly zone riguarda anche i droni a bassa quota.