Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sedicenne beccato con la droga nei giardini dietro la scuola

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Continua il piano di prevenzione e controllo del territorio predisposto per Bastia Umbra dal commissariato di Assisi. Grazie alle segnalazioni dei cittadini sono state monitorate le aree verdi, i parcheggi pubblici e circoli ricreativi della città che specialmente negli orari notturni diventano luoghi di aggregazione di giovanissimi dediti a piccoli reati predatori, atti di vandalismo e smercio e consumo di sostanze stupefacenti. Nella notte tra venerdì 29 e sabato 30 luglio, le forze dell'ordine hanno predisposto un altro imponente servizio. Controllati due circoli ricreativi, tre aree verdi, identificate più di 80 persone, tra cui giovanissimi della zona e già noti alle forze dell'ordine per precedenti per droga. Nel corso di un blitz nei giardini dietro un istituto scolastico, sono stati bloccati 20 ragazzi che, seduti su un muretto, alla vista degli agenti si sono dati alla fuga disperdendosi. Peccato per loro però che tutte le vie d'accesso all'area fossero state bloccate dalle varie pattuglie impiegate nel servizio che hanno così potuto fermare tutti i giovani. Uno di loro, ancora a bordo della propria bicicletta, dopo aver negato agli agenti di essere assuntore di stupefacenti, si è alla fine deciso ad aprire spontaneamente il suo zaino e mostrarne il contenuto. All'interno, ben avvolto con degli asciugamani, è stato trovato un grosso cilum, solitamente utilizzato per inalare i fumi di erbe psicotrope accese. A questo punto è stato rinvenuto nell'erba, vicino ai suoi piedi, evidentemente appena gettato dal ragazzo nel tentativo di eludere il controllo, un involucro trasparente di cellophane contenente 3 ciuffi di marijuana del peso complessivo di circa 3 grammi successivamente sequestrata. Al ragazzo, sedicenne, originario di Napoli ma da tempo residente a Bastia è stata contestata la violazione come assuntore abituale di sostanza stupefacente e riaffidato alla madre. Il ragazzo è stato fermato insieme ad un'amica, di origini marocchine, anch'essa consumatrice abituale di sostanza stupefacente e per questo segnalata alla prefettura.