Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Si spaccia per avvocato e prova a sfilare soldi a un'anziana

default_image

Susanna Minelli
  • a
  • a
  • a

Ennesimo tentativo di truffa ai danni di un'anziana. Un fenomeno purtroppo diffuso nel territorio folignate e che ha visto protagonisti diversi cittadini raggirati con le scuse più varie facendo leva sulla buona fede delle vittime. L'ultimo caso quello riguardante una signora di 91 anni che ha ricevuto una telefonata decisamente insolita da parte di un uomo che sosteneva di essere un avvocato. Il sedicente professionista avrebbe chiesto all'anziana dei soldi per risarcire un terzo soggetto a cui suo figlio aveva danneggiato l'auto a seguito di un incidente stradale. La storia non ha convinto la donna che si è insospettita dicendo che avrebbe chiamato le forze dell'ordine. Monito che ha fatto subito desistere dalle proprie intenzioni l'uomo che ha chiuso la comunicazione in un lampo. Un caso a lieto fine, che somiglia ai tanti accaduti negli ultimi mesi nel Folignate, sia in città che nelle zone collinari e di alta montagna, non sempre finiti bene. Basti pensare agli episodi riguardanti alcune anziane alle quali era stato riferito tramite telefonata che i figli avevano provocato degli incidenti stradali e che per essere rilasciati avevano bisogno all'istante di denaro che poi veniva ritirato, invece, dagli autori della truffa. O a quelli in cui i truffatori di turno si fingevano parenti delle vittime per chiedere dei prestiti. Ma i raggiri compiuti negli ultimi tempi non sono stati fatti solo ai danni degli anziani. La cosiddetta “truffa dello specchietto” ha visto protagonisti un po' tutti, dai più giovani ai meno giovani. Secondo quanto raccontato più volte dalle vittime designate la messa in scena ha sempre lo stesso medesimo copione. Un'auto che inizia a lampeggiare ripetutamente, l'automobilista a cui è rivolta la segnalazione che nota il segnale e che di conseguenza chiede spiegazioni. E infine la recita dei truffatori. Di solito infatti agiscono sempre in due chiedendo denaro per riparare il danno che la vittima avrebbe provocato (per l'appunto il danneggiamento del vetro dello specchietto) senza rendersene conto. Insomma c'è da fare attenzione.