Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rapina in villa con pistola alla tempia: preso

default_image

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

E' stata la collaborazione tra le squadre mobili di Perugia e di Alessandria a “chiudere il cerchio”definitivamente, su una brillante attività investigativa, svolta dalla polizia di Perugia, a seguito di un fatto increscioso verificatosi nel 2014 a Mugnano” per il quale gli investigatori della mobile di Perugia avevano individuato i responsabili. Nella notte tra il 6 ed il 7 ottobre 2014, una giovane coppia perugina era rientrata verso la mezzanotte dal pronto soccorso. Nel cuore della notte, i due sono stati rapinati da tre persone con passamontagna ed armati: uno, pistola in pugno, li ha terrorizzati minacciandoli di morte puntandogli la pistola alla tempia, mentre gli altri si erano fatti consegnare tutti i preziosi ed il denaro presenti in casa e le chiavi delle due autovetture, per poi chiudere i due coniugi a chiave nel bagno e fuggire con le auto rubate.  Mentre i primi due componenti del gruppo criminale, H.D., del 1992, e M.E., del 1989, sono stati catturati in un primo momento, nel casertano, il terzo componente, O.A., albanese del 1992, nei giorni scorsi è stato rintracciato dal personale della Mobile di Alessandria, che gli hanno notificato il provvedimento di custodia cautelare del Gip. di Perugia, con il quale era stata disposta la custodia cautelare a carico di tutto il sodalizio, ed in ottemperanza al quale lo hanno tratto in arresto.