Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Cellulari, biglietti per concerti e stufe: raffica di truffe on line

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

I carabinieri della compagnia di Gubbio, nell'ambito di una serie di accertamenti sulle truffe on line, hanno condotto attività che hanno portato, complessivamente, alla denuncia di diverse persone. In particolare i carabinieri della stazione di Gualdo Tadino si stanno specializzando nella risoluzione di reati di tipo informatico. A fine 2015 denunciate due persone residenti in provincia di Bari. I due, dopo aver creato un sito internet di vendite on line associato ad un negozio realmente esistente denominato Techmania, proponevano in vendita apparati tecnologici a prezzi più che vantaggiosi. In particolare hanno venduto un telefono cellulare ad un ignaro acquirente che ha poi pagato tramite il bonifico presso un conto corrente aperto presso la Banca Sella. Addirittura al caso si è interessato anche Striscia la Notizia; denunciate inoltre 5 persone tutte residenti nella provincia di Taranto e tutti gravati da precedenti. In particolare i 5 hanno messo in vendita i biglietti per una serie di concerti del noto gruppo rock Ac/Dc. Gli ignari acquirenti, dopo le contrattazioni del caso tramite il sito ebay, hanno effettuato il pagamento su una carta ricaricabile poste-pay. Solo dopo aver effettuato il pagamento si sono resi conto della truffa in quanto l'oggetto acquistato non è stato mai recapitato. I carabinieri hanno denunciato pure una persona residente in provincia di Bari gravata da precedenti. In particolare l'uomo qualificatosi come appartenente all'Arma dei carabinieri ha richiesto tramite telefono versamenti a favore di un fantomatico fondo di previdenza dell'Arma. Addirittura ha proposto in cambio il calendario storico dei carabinieri. E' stato accertato come l'uomo avesse effettuato analoghe richieste già per conto di altrettanti fantomatici fondi della polizia e guardia di finanza; due giorni fa infine i militari hanno denunciato una persona residente nella provincia di Caserta. L'uomo ha messo in vendita sul sito internet subito.it un telefono cellulare di ultima generazione. Nonostante il prezzo di mercato superiore ai 700 euro egli lo ha proposto a soli 390. L'ignaro acquirente, minorenne, ed allettato dalla bellissima offerta ha accettato una transazione di denaro tramite ricarica poste-pay. Solo dopo aver effettuato il pagamento si è accorto del raggiro poiché il telefono in realtà non esisteva. Dopo averlo detto ai genitori si è deciso a sporgere denuncia per l'accaduto. Altre truffe on line - Denunciato un egiziano residente a Roma, incensurato. L'uomo ha clonato le carte di credito poste-pay traendone profitti personali. E' stato però tradito dalle ultime operazioni con le quali ha ricaricato la sua utenza telefonica; denunciate infine due persone residenti a Crotone gravate da precedenti penali analoghi poiché in concorso tra loro mettevano in vendita sul sito subito.it una stufa a pellet di ottima qualità ad un prezzo irrisorio rispetto a quello di mercato. L'ignaro acquirente ha pagato tramite una ricarica poste-pay. Dopo il primo pagamento la vittima ha tentato di contattare gli inserzionisti che come d'incanto erano scomparsi.