Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ragazzino morto a scuola, lettera d'addio dei compagni

Sara Minciaroni
  • a
  • a
  • a

Leonardo è morto per una gravissima insufficienza cardiocircolatoria. Il suo cuore ha smesso di battere a seguito della rottura dell'aorta. Questo ha rivelato l'autopsia eseguita venerdì mattina sul corpo del bambino di 12 anni deceduto lunedì 29 febbraio a scuola dove aveva accusato un malore dal quale non si è più ripreso (LEGGI L'ARTICOLO). “Aspettiamo adesso l'esito di ulteriori esami - ha spiegato il legale dei genitori, Antonio Cozza - e fino ad allora non esprimeremo alcun tipo di considerazione; la famiglia non vuole puntare il dito contro nessuno ma vuole solo capire se questa tragedia poteva essere prevista ed evitata. Al momento, però, il loro primo pensiero è quello di portare la salma del bambino in Albania, paese d'origine, e celebrare i funerali”. Intanto i compagni di scuola hanno dato l'addio a Leonardo con una lettera: “L'amicizia è quel sentimento che ti lega a un'altra persona e, ancor di più, se quest'ultima è speciale come lo eri tu. Caro Leo, è così che la II C ti ricorda: quel ragazzo allegro e spensierato, proprio speciale, che ravvivava le giornate di ciascuno di noi, con le sue risate fragorose; quel ragazzo che ci ha insegnato tanto ed è stato per noi come un maestro perché, anche se involontariamente, nella sua semplicità, ci ha aperto gli occhi sulla realtà della vita. Abbiamo imparato a non guardare all'apparenza, ma al carattere della persona stessa. Ci coinvolgeva il tuo modo di affrontare le giornate, anche quelle peggiori, nel trovare la positività dove sembrava non esserci, insegnandoci a cogliere ogni attimo. Fin dalla prima volta che ti abbiamo visto, abbiamo capito che dal tuo cuore emanava una luce speciale: avevi dei grandi poteri, uno di questi era quello di pensare a ridere, divertirti e far divertire gli altri. Avevi la capacità di trascinarci nei tuoi sentimenti, la tua felicità ci contagiava e la tua tristezza, anche se in rari momenti, era la nostra. Ti ringraziamo per esserci stato vicino e per i tuoi affettuosi abbracci, per essere stato un indimenticabile compagno nella tua semplicità. Ciao Leonardo, i tuoi compagni di classe”.