Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

In auto con spranghe e bastoni, fermati 4 tifosi del Perugia

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

I carabinieri di Todi, impegnati in questi giorni su input del comando provinciale lungo le arterie stradali, in particolare la E45, in relazione al derby calcistico Perugia-Ternana, hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Spoleto quattro tifosi della squadra perugina, trovati in possesso di numerosi oggetti atti ad offendere. I militari sono intervenuti nei pressi dello svincolo della E45 “Todi–San Damiano”, dove erano stati segnalati, fermi in un'area di sosta, una decina di veicoli con circa 25-30 giovani, travisati con caschi e indumenti vari ed armati di spranghe. All'arrivo dei carabinieri tutti i veicoli, eccezion fatta per una Seat Ibiza che sono riusciti a bloccare, si sono allontanati velocemente senza fermarsi nemmeno dopo l'alt intimatogli dai militari, che hanno rischiato l'investimento da parte dei fuggitivi. A bordo dell'autovettura Seat Ibiza sono stati identificati 4 giovani, tutti operai fra i 22 ed i 35 anni, residenti a Perugia, Deruta e Castiglione del Lago e già noti alle forze dell'ordine, in particolare perché due di loro sono stati sottoposti a provvedimenti Daspo (Divieto di accedere alle manifestazioni sportive) emessi dalla Questura. All'interno del veicolo è stato poi rinvenuto un sacchetto contenente una trentina di cosiddetti “cavalli di frisia” (chiodi artefatti per forare i pneumatici), nonché un grammo circa di hashish detenuto da uno dei giovani. Ulteriori accertamenti hanno poi permesso ai militari di recuperare altri oggetti atti ad offendere, tra i quali numerosi bastoni e tubi in plastica, nonché un casco da motociclistica, che sono stati sottoposti a sequestro e che, secondo quanto dichiarato dai fermati e tifosi del Perugia, sarebbero serviti per un non meglio precisato incontro con altri tifosi della Ternana. Il ragazzo trovato in possesso della sostanza stupefacente verrà segnalato alla Prefettura – Utg di Perugia quale assuntore, mentre tutti e 4 gli indagati verranno proposti alla Questura di Perugia per l'applicazione della misura di prevenzione del divieto di ritorno nel comune di Todi.