Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Maltempo, giornata nera con allagamenti e sfollati

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

Quella di domenica 14 febbraio è stata una giornata "nera" in buona parte dell'Umbria a causa delle forti piogge, che hanno causato smottamenti, esondazioni e allagamenti. Le situazioni più gravi si sono verificate nei Comuni di Foligno, Bevagna, Cannara, Nocera Umbra, Marsciano. A Nocera Umbra la frazione di Le Prata è stata invasa dall'acqua e dal fango (guarda le immagini) scesi dalla montagna che la sovrasta, allagando le case e provocando l'intervento delle forze dell'ordine, dei vigili del fuoco e della protezione civile per ripulire le vie dai detriti e riportare la situazione alla normalità. Qui il sindaco Bontempi ha comunque chiesto lo stato di emergenza ed è stato necessario trarre in salvo dalla propria abitazione invasa dall'acqua un uomo di 86 anni gravemente malato immobilizzato a letto, il quale è stato trasferito dai vigili del fuoco in luogo sicuro (guarda il video girato tra le case della frazione colpita). Forti criticità anche nel folignate, soprattutto nella frazione di Annifo:  qui l'acqua è scesa dall'altopiano di Collecroce verso la piana di Annifo fino ad Arvello e gli argini dei fossi che circondano i campi non sono riusciti a contenerla. Le strade della frazione folignate si sono trasformate in fiumi, con disagi per la circolazione sulla strada che porta a Colfiorito. Sfollati anche a Cannara, mentre a Spoleto è stata rinviata una partita di Serie D e a Gubbio un violento temporale si è abbattuto sulla città.  La situazione è tornata ad una relativa normalità solo nel tardo pomeriggio, dopo gli oltre 30 interventi di soccorso ultimati dai vigili del fuoco con l'impiego delle squadre della sede centrale e dei distaccamenti provinciali di Foligno, Assisi, Gaifana, Todi.