Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sfruttamento della prostituzione al night, 54 indagati

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

Nei loro confronti accuse pesanti come macigni: associazione a delinquere, riduzione in schiavitù e tratta di ragazze. Si tratta di cinquantaquattro persone, finite nella bufera dopo l'inchiesta dei carabinieri, coordinati dal procuratore aggiunto Antonella Duchini della Direzione distrettuale antimafia. Secondo quanto ipotizzato nel capo d'imputazione, le persone coinvolte avrebbero fatto parte di un sodalizio finalizzato allo sfruttamento della prostituzione di avvenenti ragazze originarie dell'Europa dell'Est all'interno di alcuni night club. Cinquanta euro per dieci minuti di prestazioni sessuali, ricostruirono i militari. Tre soggetti, tra cui una donna rumena, sono indicati come promotori dell'associazione che avrebbe provveduto anche alla sistemazione delle ragazze in appartamenti o alberghi nella disponibilità degli indagati. C'era, secondo la procura, chi faceva da cassiere, ovvero contabilizzava i ricavi. E chi si occupava del trasporto delle giovani tra l'estero e l'Italia. Giovedì mattina (21 gennaio), per i soliti problemi di notifica, l'udienza davanti al gup è stata rinviata al mese di marzo prossimo. Per le 54 persone coinvolte era stato chiesto il rinvio a giudizio.