Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Parcheggiatori abusivi ancora in azione, cresce la protesta

Ben. Pi.
  • a
  • a
  • a

Sono ancora là, nonostante numerose segnalazioni, proteste e battaglie, i parcheggiatori abusivi a Gubbio nella zona del teatro romano e dell'ex seminario e da qualche tempo anche al parcheggio del centro commerciale “Le Mura”. Uno, due, a volte sono anche quattro o cinque insieme. La nuova segnalazione arriva a pochi giorni dal Natale e stavolta con una connotazione diversa: se è vero che non dovrebbero star lì perché “non a norma”, sono in molti a ritenere che sarebbe opportuno individuare per questi giovani una diversa collocazione, di vita e lavorativa, più stabile e gratificante. Si tratta di uomini, tutti stranieri con regolare permesso di soggiorno, secondo le verifiche da parte della polizia municipale e di altre forze dell'ordine, che risiedono in regione e si spostano con mezzi pubblici per raggiungere i parcheggi. La loro presenza è vista in maniera critica, soprattutto perché si tratta di un non-lavoro, non regolarmente riconosciuto dalla normativa nazionale e quindi non autorizzato, quello del parcheggiatore abusivo. I parcheggi in cui si fermano a gestire i veicoli in ingresso sono infatti liberi, privi di fascia oraria e di dazi di sosta. A volte è capitato, negli scorsi mesi, che fossero presenti anche in parcheggi del centro cittadino, custoditi e soggetti a gestione comunale. A volte gentili, a volte più insistenti, sono oggetto a volte anche di segnalazione da parte dei turisti, che non si spiegano la loro presenza in un parcheggio libero per definizione. Una situazione che sembra ripetersi, mese dopo mese e per cui i cittadini ora, di nuovo, chiedono una soluzione definitiva.  Articolo completo nel Corriere dell'Umbria di mercoledì 23 dicembre (CLICCA QUI)