Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Furti al cimitero, i parenti dei defunti scrivono ai ladri

Il messaggio lasciato sulla tomba

Susanna Minelli
  • a
  • a
  • a

“Chi ruba ai morti è un gran malvagio”. La scritta a caratteri neri campeggia su un foglio bianco appoggiato vicino ad un lumino. Di questi messaggi lasciati accanto alle tombe se ne possono trovare svariati al cimitero di Foligno. E' qualche tempo ormai che i parenti dei defunti tentano la strada della comunicazione con i ladri. Per far capire loro che rubare al camposanto è uno degli atti più deplorevoli che si possano compiere. Ma purtroppo ogni appello sembra cadere nel vuoto. Perchè, come è ormai noto, al cimitero viene rubato di tutto: dagli oggettini lasciati sulle tombe, ai vasi in terrecotta, fino ad arrivare alle cornici e addirittura ai fiori. Un fenomeno in costante aumento e al quale ai parenti dei defunti non resta che rassegnarsi. A più riprese in passato gruppi di cittadini avevano proposto più controlli e l'istallazione di telecamere. Un provvedimento concretamente irrealizzabile vista la vastità dell'area cimiteriale che richiederebbe decine e decine di dispositivi di videosorveglianza.