Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Si finge funzionaria Inps e ruba 8.000 euro ad anziana

Maurizio Muccini
  • a
  • a
  • a

Una storia come tante, purtroppo. Dove le vittime sono soprattutto le persone più deboli, come gli anziani che vivono da soli in abitazioni perlopiù isolate. Presi continuamente di mira da persone senza scrupoli. Che, spacciandosi per finti tecnici dell'Enel o per vigili del fuoco, tentano di entrare nelle loro case. Naturalmente per rubare qualcosa di prezioso. Come nel caso approdato proprio venerdì 20 novembre in tribunale, a Perugia, con una giovane finita alla sbarra per aver soffiato alla poveretta di turno il portafoglio. Con un trucchetto rivelatosi niente male. “Siamo dei funzionari dell'Istituto di previdenza sociale - avevano detto i tre balordi facendosi aprire la porta - e abbiamo l'incarico di visionare il libretto della sua pensione in vista di un adeguamento economico. Dagli uffici è emerso che ci sono stati degli errori nei conteggi, che dovranno essere controllati”. A quel punto la signora di ottanta anni senza pensarci due volte si era diretta verso la camera da letto, estraendo dal cassetto il documento richiesto. Ma dietro di lei spuntava appunto la donna del gruppo. Che con un gesto fulmineo, dallo stesso cassetto portava via due portafogli. Prima di darsi alla fuga. Portafogli che contenevano i risparmi di una vita della pensionata perugina: la bellezza di ottomila euro tutti in contanti. Immediata la denuncia ai carabinieri, che nel giro di poco tempo sono riusciti a mettere davanti agli occhi della vittima alcune foto segnaletiche di pregiudicati. Figure già indagate per fatti analoghi, che si erano tra l'altro verificati in quei mesi non solo nel capoluogo umbro ma anche a Foligno, Gualdo Tadino e a Spoleto. E subito è stata riconosciuta e quindi inchiodata la donna della banda, prelevata dai militari dal suo appartamento e accompagnata al carcere di Capanne (i suoi complici, invece, non sono mai stati rintracciati). E da qui il procedimento giudiziario (per furto in concorso) nei confronti della giovane, di origine siciliana ma da molti anni residente a Perugia.