Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ucciso in casa dai ladri, banditi progettavano rapina in banca

I carabinieri sul posto (Foto Principi)

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

“Prendiamoci quella del Palio”. E' un passaggio delle intercettazioni telefoniche allegate alle carte del processo sull'omicidio del 91enne Giulio Moracci, accaduto il 28 aprile scorso a Gabelletta, a Terni (LEGGI L'ARTICOLO). Al telefono ci sono non meglio identificati membri della banda che ha organizzato e messo in atto la rapina poi sfociata nel sangue. Il gruppo, dunque, aveva progettato di colpire un istituto bancario legato alla città di Siena. Ne sono convinti gli inquirenti che hanno lavorato al caso per conto del pubblico ministero Barbara Mazzullo. Secondo quanto emerge dalle carte in origine l'obiettivo del colpo non era l'abitazione in via Andromeda dei Moracci, ma una banca, "quella del Palio" appunto. I carabinieri rilevano che dalle intercettazioni tra alcuni membri si parla di altre "azioni delittuose del tutto analoghe a quella del 28 aprile" anche se con diversi obiettivi. "Verosimilmente - prosegue la ricostruzione dei carabinieri - progettavano un colpo in una banca". E al telefono infatti la banda parla chiaramente di "…Siena, quella del Palio".