Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Muore punto da calabrone, forse non sapeva di essere allergico

Pamela Bevilacqua
  • a
  • a
  • a

Era andato a casa di amici a far loro visita, quando, all'improvviso, si è sentito male e si è accasciato a terra. Un rumeno di 57 anni è morto così, nel tardo pomeriggio di martedì 8 settembre, a causa di una puntura di insetto (LEGGI L'ARTICOLO). Sul posto è intervenuta immediatamente un'ambulanza del 118, i sanitari hanno cercato di soccorrere l'uomo, senza però riuscirvi. Per lo straniero era troppo tardi, non c'era più nulla da fare. La certezza sulla causa arriverà poi dall'esame da parte del medico legale di turno: shock anafilattico. Nell'abitazione di Cascia, teatro della tragedia, sono intervenuti pure i carabinieri della compagnia di Spoleto, coordinati dal capitano Marco Belilli, per eseguire tutti gli accertamenti del caso. L'uomo mentre stava parlando con l'amico in giardino, ha sentito la puntura di un insetto, forse un calabrone, ma non deve averci fatto tanto caso. Probabilmente nemmeno sapeva di essere allergico. Poi il bruciore deve aver iniziato a infastidirlo, ma forse ha sottovalutato la situazione. Infine il respiro sempre più corto, il cinquantottenne ha perso i sensi ed è svenuto, sotto gli occhi increduli e sbigottiti dell'amico che lo ospitava in casa. L'allarme è stato lanciato subito, i sanitari del 118 le hanno tentate tutte per cercare di rianimarlo, ma oramai era troppo tardi. Il rumeno aveva smesso di respirare e non c'è stato altro da fare che dichiarare l'avvenuto decesso.