Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Trova la sua cagnetta dilaniata: sbranata da animali selvatici

A uccidere la cagnolina potrebbe essere stato un branco di cinghiali

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Orrore ad Arrone, dove una cagnetta è stata trovata morta dal suo padrone, letteralmente dilaniata. La convinzione, maturata dopo aver sentito anche il parere di un medico veterinario esperto, è che la bestiola sia stata aggredita e uccisa da un branco di animali selvatici. Il fatto, accaduto in località Castiglioni, fa seguito ad altri episodi del genere avvenuti nei giorni scorsi e, anche per questo, ha suscitato un certo allarme fra i residenti della zona. Intorno alle ore 23 di martedì 1 settembre, un uomo che vive nella frazione del comune di Arrone è uscito dalla propria abitazione dopo aver sentito un forte trambusto. Sul momento non si è accorto di nulla, complice il buio. Poi non sentendo più la sua cagnolina abbaiare - una bretoncina di taglia media - è andato a controllare nei pressi della cuccia. L'orrenda scoperta è avvenuta lì, quando ha tirato la catena con attaccato ciò che restava del povero animale. Il mattino seguente ha subito contattato le istituzioni preposte. Nessuno però, a quanto pare, si è attivato per andare a verificare direttamente la situazione. Alla fine le immagini del cane ucciso sono state inviate ad un veterinario e da lui è arrivata la conferma che l'accaduto era da ricollegare ad un'aggressione di animali selvatici, che però potrebbero non essere lupi. Le ipotesi del professionista non escludono infatti cinghiali, né lupi né altri cani, randagi resi aggressivi dalla fame. Il fatto è avvenuto a non più di una decina di metri da un gruppo di case dove vivono diverse famiglie.