Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sospetta malattia vascolare suina, allevamento sotto sequestro

Massimo Fraolo
  • a
  • a
  • a

“Un sequestro cautelativo che ho ordinato sulla base di una proposta del servizio veterinario della Asl, dovuto alla sussistenza di un dubbio sull'insorgenza di una malattia dei suini. In attesa delle analisi definitive l'allevamento è sequestrato”. Queste le parole del sindaco di Marsciano Alfio Todini a seguito del provvedimento che ha riguardato un allevamento suinicolo della frazione di Spina. Un intervento – si legge nell'Albo Pretorio del Comune – necessario dopo che i risultati delle analisi veterinarie condotte dall'Istituto Zooprofilattico di Perugia su tre campioni di sangue suino hanno dato esiti definiti ‘dubbi'. La conseguenza del provvedimento è stato il divieto, per l'azienda agricola in questione di movimentare i suini sino a completamento di ulteriori esami in corso. Divieto che evidentemente cadrebbe in caso di esito negativo delle stesse analisi. Al momento permane il divieto a persone estranee di accedere all'allevamento e nello stesso tempo l'obbligo di provvedere alla disinfezione dei ricoveri e degli automezzi con un prodotto specifico. I dubbi, quanto pare, sarebbero relativi all'ipotesi di ‘malattia vascolare suina'. Una patologia contagiosa che colpisce proprio i suini caratterizzata nella sua forma clinica da ipertermia, zoppia, lesioni vescicolari ed erosioni localizzate sulla cute e sulle mucose. Se da un lato c'è il rischio di diffusione in una popolazione di suini, che potrebbe essere alimentato dall'eventuale turn-over di animali tra allevamenti, centri di raccolta e stalle di sosta ed il trasporto di suini con veicoli contaminati o impropriamente disinfettati, dall'altro è esclusa la trasmissibilità della malattia agli uomini, né direttamente né attraverso i prodotti alimentari derivati. Si attendono ora i risultati relativi agli accertamenti che si stanno effettuando. Lo stesso sindaco ha sottolineato che al momento “si tratta di un provvedimento precauzionale” e che l'unica certezza, al momento, è che “i controlli a cui sono sottoposti gli allevamenti sono stati efficaci e all'altezza della situazione”.