Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Donna si imbatte nei ladri mentre svaligiano la casa dei vicini

La cassaforte forzata dai malviventi

Sara Minciaroni
  • a
  • a
  • a

Uscire di casa in piena notte per una coincidenza e imbattersi in un brutto ceffo che ci insegue fino al portone. Copione da film thriller, ma questa è la realtà. Anzi solo una parte di quanto accaduto nell'arco di poche ore a Castiglione del Lago. Per fortuna la donna protagonista della disavventura è riuscita a chiudersi la porta alle spalle prima che il malvivente la raggiungesse e a dare l'allarme, mettendo così in fuga i ladri che nel frattempo avevano svaligiato la casa del vicino in via Marzabotto. E' accaduto la notte tra sabato 31 maggio e domenica 1 giugno quando i proprietari della casa svaligiata erano in gita al Mugello. Al rientro hanno trovato la cassaforte aperta in due, privata di ogni valore che conteneva e tutta la casa rovistata. Questo è accaduto in concomitanza di un altro fatto verificatosi a poca distanza sempre a Castiglione del Lago. I fili di una centralina Enel sono stati recisi provocando un blackout e tutta una serie di disservizi andati avanti fino alle 16 del giorno dopo, orario in cui i tecnici hanno aggiustato il guasto. Casualità? Può darsi, ma resta il fatto che modalità simili le ritroviamo in un tentativo di furto in banca che venne messo a segno a Tuoro ai danni della filiale del Monte dei Paschi qualche tempo fa e in effetti, anche in questo caso, a finire fuori uso sono stati anche i dispositivi elettronici di una vicina banca. Che si sia trattato della presenza in zona di una banda che aveva deciso di mettere a segno più colpi nella stessa notte? Soltanto le indagini dei carabinieri intervenuti sul posto potranno stabilirlo ma la coincidenza è veramente notevole. E se di coincidenze parliamo ce n'è anche un'altra di non poco conto, quella che riguarda furti in altri due appartamenti questa volta avvenuti la notte tra martedì 2 e mercoledì 3 giugno . Di mira sono stati presi niente meno che i parenti più stretti del proprietario della casa svaligiata domenica notte, benché a qualche chilometro di distanza in località Soccorso. I quattro abitanti dei due appartamenti si sono svegliati con i sintomi tipici delle vittime di sostanze anestetizzanti che in alcuni casi vengono utilizzati dai ladri per compiere indisturbati i loro furti notturni. Anche in questo caso hanno trovato gli infissi forzati e le case messe a soqquadro.