Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Medico colpito da infarto salvato dai colleghi di una vita

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Ha rischiato di morire stroncato da un infarto, ma è stato salvato grazie ai colleghi di una vita. E così un dottore dell'ospedale di Perugia ha espresso in una lettera aperta tutta la sua gratitudine ai medici del Santa Maria della Misericordia. "E' stata un'esperienza drammatica, ma al tempo stesso positiva", ha sottolineato. Lui, medico da oltre 30 anni, si è sentito in dovere appunto di ringraziare quei colleghi capaci di assisterlo "in uno dei periodi più delicati della mia vita. Sono stato colpito da infarto acuto del miocardio - è il racconto dell'uomo - complicato da effetti sistemici importanti: in breve tempo tuttavia ho potuto contare in emodinamica sulle prime azioni terapeutiche risolutive". La lettera è rivolta in particolare alla direzione generale dell'azienda ospedaliera di Perugia e al collega che lo ha assistito più da vicino. Il medico colpito da infarto ha rivelato poi un dettaglio ulteriore: "Sono restato sempre vigile e ho quindi avuto modo di apprezzare il percorso di emergenza e le capacità professionali, nonché l'affetto, di tutti gli amici, colleghi, infermieri che si sono presi cura di me in un momento - ha ribadito - di estrema vulnerabilità fisica e psicologica". Ora il medico ha iniziato le sedute di riabilitazione cardiologica, ma davanti ai colleghi con i quali ha condiviso oltre 35 anni di assistenza ospedaliera, ha mostrato - in pigiama - tutto il suo orgoglio per aver lavorato con loro all'ospedale di Perugia.