Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Guerra tra ex, lei accusa: "Abusò delle nostre figlie". Ma lui la querela

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Una guerra giudiziaria, fatta di accuse infamanti, fra una donna e il suo ex compagno. Nella vicenda loro malgrado sono finiti in mezzo anche le due figli minori della coppia, di appena 4 anni. Nel marzo 2013 le tensioni fra la donna, 37enne originaria del nord Italia, e l'ex compagno, 35enne ternano, erano sfociate in una denuncia infamante in cui la prima aveva messo nero su bianco i presunti abusi sessuali subiti dalle due piccole per mano del 'padre-orco'. Nel frattempo le bimbe erano state affidate ad una struttura protetta in attesa dei successivi sviluppi dell'indagine. Dopo le verifiche attivate dalla procura, nel maggio del 2014 il gip Maurizio Santoloci, su richiesta del pm Elisabetta Massini, ha archiviato il procedimento penale a carico dell'uomo, non riscontrando alcun abuso da parte di quest'ultimo e, anzi, sollecitando verifiche sulla condotta della madre in relazione alla denuncia presentata. A quel punto, dopo aver ottenuto dal tribunale dei minori la possibilità di rivedere le proprie figlie, l'uomo ha querelato l'ex compagna per calunnia e maltrattamenti in famiglia. Un passo a cui quest'ultima ha replicato denunciando di nuovo l'uomo, sempre per abusi sessuali sulle piccole. Per fare piena luce sulla vicenda, nell'ambito del procedimento che vede indagata la donna - difesa dall'avvocato Marco Francescangeli - per calunnia e anche per maltrattamenti verso le due minori (che la madre avrebbe "interrogato ogni volta che facevano ritorno da casa del padre, fotografato e sottoposto ad esami, anche intimi, per provare i presunti abusi sessuali"), il gip Maurizio Santoloci ha disposto, su richiesta del pm, l'incidente probatorio. Due i periti in campo: lo psichiatra Alessandro Giuliani e la ginecologa Laura Donati, incaricati dal giudice. Il primo dovrà eseguire una perizia psichiatrica sulla madre delle piccole, per accertare le sue condizioni mentali. La seconda è chiamata a fugare gli ultimi dubbi sui presunti abusi sessuali denunciati dalla stessa.