Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vendita vietata di bottiglie in vetro, al setaccio la zona movida

Susanna Minelli
  • a
  • a
  • a

E' stata una serata di controlli serrati, quella tra venerdì 10 e sabato 11 aprile a Foligno, in centro storico. Al setaccio degli agenti della polizia municipale, le zone della "movida" cittadina al fine di contrastare il fenomeno dell'abbandono e dell'utilizzo improprio delle bottiglie e dei contenitori in vetro, facendo riferimento all'ordinanza in materia firmata dal sindaco nelle scorse settimane. L'esito dei controlli, secondo quanto riferito dal comando dei vigili urbani, sarebbe stato positivo anche se i dati effettivi potranno essere resi noti solo a partire dalla giornata di lunedì 13 aprile. Per ora, quello che appare certo - così come riferito dal comando della polizia municipale - è che i monitoraggi continueranno anche nelle prossime settimane. Un'ordinanza che ha raccolto la quasi totalità dei consensi degli esercenti e che vieta "ai gestori di attività commerciali, artigianali e di pubblici esercizi di somministrazione, di vendere per asporto o cedere a terzi qualsiasi tipo di bevanda in contenitori di vetro, a decorrere dalle 21 alle 6, per l'asporto all'esterno dei locali o al di fuori delle pertinenze esterne date in concessione. Pena una sanzione amministrativa pecunaria da 80 a 500 euro". Inoltre, come viene evidenziato nel testo "è fatto obbligo a tutti i gestori di esercizi porre un'adeguata sorveglianza affinché i clienti non si allontanino asportando contenitori in vetro". Un provvedimento che se da un lato va a limitare la diffusione di contenitori in vetro, dall'altro non risolve il potenziale rischio della loro circolazione, quindi del loro abbandono e del loro uso improprio come arma contundente. In primis perché l'ordinanza è limitata alle sole ore notturne, in secondo luogo perché chiunque potrebbe procurarsi bottiglie in vetro acquistandole prima del "coprifuoco". E in effetti basta abbassare gli occhi per rendersi conto che nonostante l'entrata in vigore del provvedimento, c'è ancora qualcuno che non intende lasciare le cattive abitudini continuando ad abbandonare in strada bottiglie di vetro.