Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Operazione della polizia, raffica di espulsioni e denunce

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Un'intensa settimana quella appena passata per la polizia di Terni, che ha visto impegnati 18 equipaggi della squadra volante e del reparto prevenzione crimine Umbria-Marche, nel contrasto al crimine diffuso e all'immigrazione clandestina, in relazione a quanto emerso dalla riunione del comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica, con l'obiettivo di aumentare la sicurezza percepita dai cittadini con una presenza più capillare delle Forze dell'Ordine. Durante l'attività sono state controllati 181 veicoli e 809 persone; quattro i cittadini comunitari allontanati: tutti rumeni, tre uomini e una donna, quest'ultima - 30 anni, con precedenti penali per furto e rapina - è risultatata inottemperante ad un precedente ordine di espulsione e per questo è stata accompagnata ad un Cie, come l'altro suo connazionale, anche questo con precedenti per furto, che è stato accompagnato a Bari. Per quanto riguarda gli altri due: il primo - di 25 anni, iscritto all'anagrafe di Terni, senza lavoro e ospite di una parrocchia – è stato allontanato per motivi di ordine e sicurezza pubblica, per aver rubato dei telefoni cellulari e portafogli all'Università di Roma e perché colpevole di lesioni personali, ingiuria e minaccia; l'altro - 27 anni, precedenti per furto e non iscritto all'anagrafe – per le cessate condizioni che ne determinano il soggiorno. Quattro anche gli stranieri espulsi: tutti clandestini, due nigeriani, un tunisino e un albanese; quest'ultimo, 21 anni, è stato notato dal poliziotto della sala operativa della Questura, durante l'attività di monitoraggio delle telecamere di videosorveglianza del centro, mentre parlottava con un gruppo di giovanissimi con fare sospetto. Quando è stato controllato dalla volante, a suo carico sono emersi numero precedenti per furti in abitazione, ricettazione e stupefacenti; è stato espulso ed accompagnato al Cie di Bari. Sempre nell'ambito dei servizi, sono state denunciate tre persone, un italiano e due rumeni, perché inottemperanti al foglio di via obbligatorio del Questore di Terni; i due rumeni sono stati fermati nei pressi della stazione ferroviaria, provenienti da un campo nomadi di Roma.