Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sgozzato in piazza, il sindaco: "Famiglia di David esempio di umanità"

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

"Terni, in una giornata drammatica segnata dalla morte assurda di David Raggi, ha saputo, ancora una volta, lanciare al Paese un messaggio di maturità e civiltà", dichiara il sindaco Leopoldo Di Girolamo. "Venerdì sera, rispondendo ad un invito lanciato dagli amici, migliaia di persone - prosegue il sindaco - si sono raccolte compostamente davanti a Palazzo Spada e poi hanno attraversato, portando in mano una fiaccola, le vie del centro fino a raggiungere piazza dell'Olmo. Un corteo silenzioso, fatto di amici, conoscenti di David, tanti giovani, intere famiglie con bambini, rappresentanti delle istituzioni e delle tante realtà che contribuiscono a rendere viva la città. GUARDA LE FOTO Un corteo nel quale si sentiva lo sgomento, l'incredulità, la rabbia per quanto accaduto, per una violenza cieca e priva di alcuna giustificazione. Una moltitudine che ha voluto testimoniare una richiesta impellente di giustizia. Un corteo che ha voluto esprimere la piena vicinanza alla famiglia di David e condividere con loro quel dolore immenso, insopportabile. Non c'era alcuna voglia di vendetta. I ternani hanno saputo reagire nella maniera giusta, aiutati moltissimo dalle parole e dai comportamenti della famiglia Raggi che, rifacendosi ai sentimenti ed ai valori che in primo luogo animavano la vita di David, ha chiesto solo giustizia. La famiglia Raggi, pur in un dolore indicibile, è stata un esempio di umanità, compostezza, fermezza e anche per questo la loro richiesta di giustizia è ancora più rilevante. Così come la richiesta di più sicurezza che insieme a loro tanti ternani hanno voluto evidenziare. Per questo scriverò al presidente Renzi ed ai Ministri Alfano ed Orlando affinché siano date alle nostre forze dell'ordine più mezzi e strumenti per aumentare il livello di sicurezza nelle nostre città e si modifichino quelle norme che, usate strumentalmente, oggi permettono a soggetti criminali di potersi aggirare indisturbati nelle nostre comunità mettendo a rischio l'incolumità dei nostri cittadini. Quello che è accaduto a David non deve più accadere".