Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Uccide la moglie e si toglie la vita, comunità sotto choc: il dolore dei familiari di Juri e Laura

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Sconcerto, dolore e incredulità. La notizia del dramma di Uppiano è rimbalzata sui social network pochi minuti dopo i tragici fatti. Centinaia i post e i messaggi anche nelle bacheche personali dei due coniugi. Parole di cordoglio e di dolore per quell' “angelo sempre sorridente” e per un uomo buono e molto sensibile. In tanti hanno ricordato quando la coppia, anni fa, era rimasta vittima di un grave incidente stradale in moto, proprio a Città di Castello, al quale era seguito per entrambi un periodo di degenza e riabilitazione lungo e dolorosissimo. Ora, però, è il momento del dolore e della pietà. Dietro il terribile femminicidio di Laura Arcaleni e il suicidio di Yuri Nardi c'è dolore di due famiglie squassate da una tragedia che non ha consolazione. LE FOTO DELLA TRAGEDIA - FOTO 2 Entrambi erano infatti legatissimi alle famiglie di origine. Lui era originario di Piosina, frazione del Tifernate, dove tuttora vivono la mamma Tiziana, il babbo Giovanni e una sorella. Lei, invece, era nata a Città di Castello in un popoloso quartiere a ridosso delle mura urbiche; qui si era diplomata all'istituto magistrale e qui risiedono il babbo Fabio, presidente della Filarmonica, la mamma Maria, la sorella Carla e i nipoti per i quali Laura stravedeva.